Emolumenti

La PostCom riscuote tasse amministrative a copertura dei costi per le proprie decisioni e prestazioni. Essa riscuote pertanto emolumenti per le seguenti prestazioni:

  • notifica dei fornitori e verifica delle prove necessarie;
  • prestazioni e decisioni in relazione all’accesso alle caselle postali, allo scambio di dati, alla sua attività di vigilanza sul mandato di fornitura del servizio universale;
  • altre decisioni, ad es. in relazione all’attività di vigilanza (disposizione di provvedimenti e sanzioni amministrative).

Chi occasiona una decisione o domanda una prestazione è soggetto all’obbligo di pagare un emolumento. L’emolumento è commisurato all’onere causato.

Chi occasiona una decisione o una prestazione è soggetto all’obbligo di versare un emolumento commisurato all’onere causato.

Tasse di vigilanza

Per i costi di vigilanza non coperti dagli emolumenti, la PostCom riscuote annualmente dai fornitori notificati una tassa di vigilanza. Sono esonerati dal pagamento i fornitori notificati con procedura semplificata.

Se un fornitore non è d’accordo con la quota a suo carico. La PostCom emana una decisione impugnabile.

Inizio della pagina

Ultima modifica: 21.01.2022