Servizio a domicilio

Occorre distinguere tra distribuzione e servizio a domicilio. Quest’ultimo viene spesso proposto quando si chiude un ufficio postale o un’agenzia e include l’accettazione di invii postali e la fornitura di prestazioni del traffico pagamenti al domicilio del cliente («La Posta sull’uscio di casa»). La Posta offre il servizio a domicilio solo in determinate regioni; in linea di principio non vi è un diritto a questo servizio.

Il presupposto per garantire il servizio a domicilio è la distribuzione a domicilio. Ciò significa che, se l’ufficio postale viene chiuso, le economie domestiche alle quali non viene recapitata la posta non possono beneficiare dell’alternativa del servizio a domicilio. In caso di controversie tra i destinatari e la Posta riguardanti l’obbligo della distribuzione a domicilio, PostCom verifica su richiesta nell’ambito di una procedura amministrativa se vige un diritto a tale servizio e se la soluzione proposta dalla Posta è adeguata e emana una decisione.

Inizio della pagina

Ultima modifica: 03.01.2022