Detailansicht

La clientela beneficia della liberalizzazione del mercato dei pacchi

Berna, 07.12.2007 - L’Autorità di regolazione postale (PostReg) ha messo a confronto diversi servizi pacchi, giungendo alla conclusione che la Posta Svizzera, grazie ad una fitta rete di uffici postali, dispone di un vantaggio strategico rispetto ai fornitori di servizi pacchi privati. Tuttavia, chi intende spedire un pacco posta A trova offerte in parte più vantaggiose presso i fornitori di servizi pacchi privati.

Quanto costa spedire in Svizzera un set con telefono cellulare, un libro rilegato di circa due chilogrammi o tre bottiglie di vino? Dal 2004, anno in cui in Svizzera è stato liberalizzato completamente il mercato dei pacchi, diverse imprese offrono servizi di recapito pacchi alla clientela. Oltre alla Posta Svizzera, nel frattempo anche le imprese DHL Express Schweiz AG (DHL) e DPD Schweiz AG (DPD) dispongono di una rete di distribuzione a livello nazionale. L’Autorità di regolazione postale (PostReg), in vista dell’imminente ondata di invii natalizi, ha confrontato le tariffe dei principali fornitori di servizi pacchi.

 

L’invio in Svizzera di un pacco posta A di dimensione e peso corrispondente a un set con telefono cellulare costa 8 franchi presso la Posta Svizzera (tariffa più alta), 7.80 franchi presso DPD e 7.50 franchi presso DHL. La dinamica dei prezzi è simile per l’invio di tre bottiglie di vino: 10 franchi presso la Posta Svizzera, il fornitore più caro, e 9.50 franchi presso DHL e DPD. Spedire il libro rilegato, di due chilogrammi circa, costa 9.50 franchi con DHL, 8 franchi con la Posta Svizzera e, offerta più vantaggiosa, 7.80 franchi con DPD

 

L’invio di un pacco posta B, recapitato soltanto due giorni lavorativi dopo l’accettazione, è possibile soltanto con la Posta Svizzera. Nel confronto, essa è infatti l’unica a offrire un ser-vizio così a basso costo. Con la posta B inviare il libro rilegato e il telefono cellulare costa 6 franchi e spedire le tre bottiglie di vino 8 franchi.

 

Il confronto effettuato da PostReg dimostra che nel frattempo i consumatori possono sceglie-re tra diverse offerte, secondo le proprie esigenze. La Posta Svizzera gode tuttavia di un vantaggio strategico: grazie alla sua fitta rete di uffici postali che conta circa 2'500 unità, la clientela continua ad optare per i suoi prodotti, nonostante le tariffe in parte più vantaggiose applicate dai fornitori privati. PostReg constata inoltre che negli ultimi anni tutti i fornitori di servizi postali si sono orientati maggiormente alle esigenze della clientela. Singoli uffici po-stali della Posta Svizzera, ad esempio, sono aperti anche il fine settimana fino a tarda ora, come anche diversi punti di accettazione di DHL e DPD. La DPD dispone soltanto di 70 shop (perlopiù integrati in cartolerie), mentre DHL conta oltre 120 servicepoint (soprattutto nelle principali stazioni ferroviarie). Molti consumatori rinunciano perciò ad affrontare tragitti più lunghi per raggiungere i punti di accettazione pacchi di DHL o DPD. Se in futuro i fornitori privati intendono essere attrattivi non solo sul piano tariffario, dovranno potenziare la propria rete di distribuzione.

 

Per compensare in parte tale svantaggio, entrambi i fornitori privati DPD e DHL hanno istitui-to un servizio di ritiro pacchi per la clientela. Una PMI, ad esempio, che invia tre bottiglie di vino per Natale ai suoi clienti, può fare ritirare i pacchi dal fornitore privato. Presso DHL questo servizio è addirittura gratuito.

 

Mentre negli ultimi anni i diversi fornitori operanti sul mercato dei pacchi fanno a gara per guadagnarsi la fiducia della clientela, il mercato delle lettere registra una fase di stallo. Anche nel 2007, con un esiguo grado di apertura del mercato pari al 10 percento, nessuna impresa si è lanciata nel settore operativo delle lettere. Nel 2011 il Consiglio federale lancerà la fase successiva della liberalizzazione, abbassando da 100 a 50 grammi il limite del monopolio postale.

 

Le tabelle sul confronto dei servizi pacchi e ulteriori informazioni sul tema sono pubblicate sul sito Internet www.postreg.admin.ch

Indirizzo cui rivolgere domande

Autorità di regolazione postale PostReg
Monbijoustrasse 51A
3003 Berna

Tel.: +41 31 322 50 94

Pubblicato da

Commissione federale delle poste PostCom
http://www.postcom.admin.ch/it/



Inizio della pagina

Ultima modifica: 08.07.2022